EconomiaPrimo Piano

Coronavirus, un lockdown a Natale farebbe perdere 25 miliardi di euro di consumi

Secondo il rapporto Censis-Confimprese il calo della spesa si tradurrebbe in una perdita enorme di posti di lavoro, fino a 5 milioni

Il premier Conte ha più volte ripetuto che la stretta anti-Covid servirà anche a “salvare” il Natale. Ma intanto il rapporto Censis-Confimprese “Il valore sociale dei consumi” fa i conti: un lockdown a Natale costerebbe all’Italia 25 miliardi di euro di consumi. «Nel periodo delle feste natalizie, restrizioni paragonabili al lockdown di primavera farebbero sfumare 25 miliardi di euro di spesa delle famiglie – dice il Censis – Con il Natale come deadline di tenuta degli italiani, il tracollo dei consumi è da evitare a ogni costo».

LEGGI ANCHE: Coronavirus, l’ipotesi di un lockdown a Natale divide gli esperti e fa tremare l’economia

A fine anno, a causa della seconda ondata di vincoli in aggiunta al primo lockdown, si stima un crollo dei consumi per un valore complessivo di 229 miliardi di euro (-19,5% in termini reali in un anno), a cui sarebbe associato un taglio potenziale di 5 milioni di posti di lavoro. Il solo retail, afferma il Censis, subirà una sforbiciata di 95 miliardi di euro di fatturato (-21,6%) e nel comparto si rischia la perdita di oltre 700.000 posti di lavoro.

L’indagine analizza anche le reazioni degli italiani rispetto alle nuove chiusure. La metà degli intervistati è disposta ad accettare i rigori della seconda ondata dell’epidemia solo perché è convinta che a breve arriverà una cura risolutiva o il vaccino. Lo dicono soprattutto i residenti del Sud (il 55,2% rispetto alla media nazionale del 49,7%) e gli anziani (il 53,5%). L’asticella è fissata a Natale: è questo l’orizzonte massimo di tenuta psicologica degli italiani all’indomani delle nuove restrizioni.

Nell’emergenza si sono accelerati cambiamenti significativi nei comportamenti di consumo degli italiani. Ben 18 milioni hanno modificato i propri comportamenti di acquisto, cambiando negozi o brand di riferimento, gestendo diversamente la spesa, cambiando i criteri di scelta dei luoghi di acquisto. Dall’inizio della pandemia, 13 milioni hanno sostituito i negozi in cui di solito effettuano gli acquisti alimentari. Nel periodo dell’emergenza il 42,7% ha acquistato online prodotti che prima comprava nei negozi fisici, in particolare i giovani (52,2%) e i laureati (47,4%). In generale, dopo il Covid-19 il 38% degli italiani afferma che non tornerà alle vecchie abitudini di consumo.

La situazione è molto critica anche perché molte famiglie sono già in crisi economica. Molti hanno già eroso le risorse e i risparmi disponibili. Già in primavera quasi quattro milioni di famiglie hanno fatto ricorso a prestiti e aiuti da parte di familiari e amici, soprattutto quelle con redditi bassi (il 25%). «Le reti di sostegno informale sono state spremute, ora per chi entra in sofferenza è alto il rischio di ritrovarsi soli – spiega il Censis – Così, paura e incertezza colpiscono maggiormente le persone con i redditi più bassi: il 60,3% di essi (contro il 37,2% medio) taglia i consumi per risparmiare soldi da utilizzare in caso di necessità».

Tags
Back to top button
Close

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi