Mondo

L’Onu sfida Trump: è l’anticamera dello scontro internazionale per detronizzarlo?

Il voto plebiscitario dell'Assemblea Generale contro la scelta di Gerusalemme capitale apre venti di sfiducia sul presidente americano. E il Russiagate è sempre più una mina vagante

L’Onu rompe gli indugi e sfida apertamente Donal Trump. Il messaggio è di quelli chiari e ineludibili. I Paesi che hanno votato contro Trump su Gerusalemme capitale di Israele hanno dato uno schiaffo politico al presidente americano e i segnali sono quelli di una fronda internazionale nei confronti del Tycoon e delle sue politiche votate all’unilateralismo decisionale. È una condanna a larghissima maggioranza quella inferta sulla decisione degli Stati Uniti di riconoscere Gerusalemme capitale di Israele e di spostare l’ambasciata nella Città santa e il confronto ha avuto in questo caso come terreno non uno scenario qualsiasi ma l’Assemblea generale delle Nazioni Unite. Su 193 Paesi, ben 128 hanno votato a favore della risoluzione presentata da Turchia e Yemen e appoggiata in massa dai Paesi arabi, musulmani ed europei. Nove i Paesi contrari (oltre a Usa e Israele anche Togo, Micronesia, Nauru, Palau, Isole Marshall, Guatemala e Honduras) e 35 gli astenuti (tra cui Canada e Australia). L’Italia si è espressa a favore, schierandosi con 25 Stati membri dell’Unione europea, inclusi Francia, Germania e Regno Unito. Sì anche da Paesi alleati degli Usa come il Giappone e la Corea del Sud.

UNA MINACCIA PER IL MEDIO ORIENTE. Nel testo non vincolante ma dal valore altamente simbolico la mossa di Trump viene considerata – come hanno spiegato i relatori – «una minaccia per la stabilità del Medio Oriente e per la pace e la sicurezza internazionali». Anche l’Italia si è espressa a favore, schierandosi con 25 Stati membri dell’Unione europea, inclusi Francia, Germania e Regno Unito. Sì anche da Paesi alleati degli Usa come il Giappone e la Corea del Sud. Mai come oggi, dunque, Trump appare isolato nel mondo. La prospettiva che si delinea è quella di iniziare a mettere in difficoltà Trump sul piano della credibilità in politica estera ancor prima che in casa propria, e la strategia non troppo velata è quella di “minare” il terreno attorno al Tycoon per convincere gli americani stessi che il loro presidente li ha isolati e sacrificati sull’altare di politiche che non vengono condivise dagli altri Stati. Trump è convinto che il tradizionale patriottismo americano basterà a non far trasparire nel suo Paese il clima di sfida con la comunità internazionale, e c’è poi anche la riforma fiscale che ha abbassato al 21% la pressione sulle imprese. Roba che in Italia appare fantascienza solo ad immaginarla, anche se poi si dovrà vedere se questa mossa scioccante determinerà più benefici o più contraccolpi.

L’IRA AMERICANA. Di sicuro c’è che l’ira della Casa Bianca è forte e tangibile, sintetizzata dalle parole durissime pronunciate dall’ambasciatrice americana al Palazzo di vetro, Nikki Haley: «Ce ne ricorderemo», la sua minaccia nemmeno tanto velata, dopo che ieri direttamente Trump aveva agitato lo spettro del taglio dei fondi sia all’ Onu e alle sue agenzie sia ai Paesi schierati a favore della risoluzione. «L’America sposterà la sua ambasciata a Gerusalemme perché è la cosa giusta da fare. E nessun voto ci farà cambiare idea. Ma questo è un voto che gli Stati Uniti terranno bene a mente», il monito della Haley, che ha parlato di «mancanza di rispetto» verso gli Usa, principali contributori delle Nazioni Unite. «Se i nostri investimenti falliscono, non portano risultati – ha aggiunto – allora abbiamo l’obbligo di destinare le nostre risorse ad altri obiettivi più produttivi». Alle porte del 2018 il voto dell’Assemblea generale è destinato ad aprire una divaricazione netta e dai riflessi indecifrabili in vista dei prossimi mesi, quando sulla presidenza Trump penderà la spada di Damocle del Russiagate.

Tags

Related Articles

Back to top button
Close

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi