ItaliaPrimo Piano

Dpcm, lockdown “soft” in quattro regioni: ecco i negozi che restano aperti nelle zone rosse

Barbieri e parrucchieri non chiuderanno, così come le lavanderie. Ma anche di tabaccai, ferramenta, profumerie e negozi di articoli sportivi. Ecco l’elenco completo

Lombardia, Piemonte, Calabria, e Valle d’Aosta sono regioni ad alta criticità e con il nuovo Dpcm diventano a tutti gli effetti «zone rosse». Il ministro della Salute Roberto Speranza ha firmato le ordinanze che impongono restrizioni e divieti più severi rispetto a quelli che entrano in vigore nel resto d’Italia. Si applica dunque per la prima volta il meccanismo che prevede una diversificazione tra le varie zone d’Italia in base ai dati del contagio, all’indice di trasmissione Rt e agli indicatori relativi alla situazione degli ospedali e delle terapie intensive attraverso il monitoraggio settimanale.

LEGGI ANCHE: Conte presenta il nuovo Dpcm: «Numeri in aumento, dobbiamo intervenire»

Vietati gli spostamenti all’interno del proprio comune, tra un regione all’altra e tra un comune all’altro. Ci si può muovere soltanto per «comprovate esigenze», dunque, per motivi di lavoro, salute e emergenze. Sono chiusi i bar e i ristoranti. Chiuse anche molte attività commerciali. Mentre infatti i centri commerciali e i mercati all’aperto saranno sospesi durante i weekend anche nelle cosiddette zone «arancioni» e «gialle», le regioni a rischio intermedio e con criticità moderata, nelle zone più colpite dalla pandemia resteranno aperti diversi esercizi commerciali, a partire da alimentari e farmacie.

In allegato al nuovo Dpcm che regolamenta la «zona rossa» sono presenti due fondamentali documenti che indicano con precisione gli esercizi commerciali che potranno rimanere aperti. Si tratta, a esempio, di negozi di informatica, di edicole e librerie, calzature per bambini e negozi di biancheria. Ma anche di tabaccai, ferramenta, profumerie e negozi di articoli sportivi, biciclette e prodotti per il tempo libero. Barbieri e parrucchieri resteranno aperti, così come le lavanderie. Ecco nel dettaglio gli esercizi commerciali risparmiati dal nuovo lockdown.

Commercio al dettaglio
– Commercio al dettaglio in esercizi non specializzati con prevalenza di prodotti alimentari e bevande (ipermercati, supermercati, discount di alimentari, minimercati ed altri esercizi non specializzati di alimenti vari)
– Commercio al dettaglio di prodotti surgelati
– Commercio al dettaglio in esercizi non specializzati di computer, periferiche, attrezzature per le telecomunicazioni, elettronica di consumo audio e video, elettrodomestici
– Commercio al dettaglio di prodotti alimentari, bevande e tabacco in esercizi specializzati (codici ateco: 47.2), ivi inclusi gli esercizi specializzati nella vendita di sigarette elettroniche e liquidi da inalazione
– Commercio al dettaglio di carburante per autotrazione in esercizi specializzati
– Commercio al dettaglio di apparecchiature informatiche e per le telecomunicazioni (ICT) in esercizi specializzati (codice ateco: 47.4)
– Commercio al dettaglio di ferramenta, vernici, vetro piano e materiali da costruzione (incluse ceramiche e piastrelle) in esercizi specializzati
– Commercio al dettaglio di articoli igienico-sanitari
– Commercio al dettaglio di macchine, attrezzature e prodotti per l’agricoltura e per il giardinaggio
– Commercio al dettaglio di articoli per l’illuminazione e sistemi di sicurezza in esercizi specializzati
– Commercio al dettaglio di libri in esercizi specializzati
– Commercio al dettaglio di giornali, riviste e periodici
– Commercio al dettaglio di articoli di cartoleria e forniture per ufficio
– Commercio al dettaglio di confezioni e calzature per bambini e neonati
– Commercio al dettaglio di biancheria personale
– Commercio al dettaglio di articoli sportivi, biciclette e articoli per il tempo libero in esercizi specializzati
– Commercio di autoveicoli, motocicli e relative parti ed accessori
– Commercio al dettaglio di giochi e giocattoli in esercizi specializzati
– Commercio al dettaglio di medicinali in esercizi specializzati (farmacie e altri esercizi specializzati di medicinali non soggetti a prescrizione medica)
– Commercio al dettaglio di articoli medicali e ortopedici in esercizi specializzati
– Commercio al dettaglio di cosmetici, di articoli di profumeria e di erboristeria in esercizi specializzati
– Commercio al dettaglio di fiori, piante, bulbi, semi e fertilizzanti
– Commercio al dettaglio di animali domestici e alimenti per animali domestici in esercizi specializzati
– Commercio al dettaglio di materiale per ottica e fotografia
– Commercio al dettaglio di combustibile per uso domestico e per riscaldamento
– Commercio al dettaglio di saponi, detersivi, prodotti per la lucidatura e affini
– Commercio al dettaglio di articoli funerari e cimiteriali
– Commercio al dettaglio ambulante di: prodotti alimentari e bevande; ortofrutticoli; ittici; carne; fiori, piante, bulbi, semi e fertilizzanti; profumi e cosmetici; saponi, detersivi ed altri detergenti; biancheria; confezioni e calzature per bambini e neonati
– Commercio al dettaglio di qualsiasi tipo di prodotto effettuato via internet, per televisione, per corrispondenza, radio, telefono
– Commercio effettuato per mezzo di distributori automatici

Servizi per la persona
– Lavanderia e pulitura di articoli tessili e pelliccia
– Attività delle lavanderie industriali
– Altre lavanderie, tintorie
– Servizi di pompe funebri e attività connesse
– Servizi dei saloni di barbiere e parrucchiere

Tags
Back to top button
Close

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi