ItaliaPickNews

Covid, la Lombardia chiede il coprifuoco dalle 23 alle 5: ok del governo

I numeri dei contagi continuano a salire, le strutture ospedaliere sono in affanno. La Regione ricorre a misure drastiche: chiesta anche la chiusura dei centri commerciali non alimentari nel fine settimana

Due curve, quelle che disegnano l’andamento atteso dei ricoveri in terapia intensiva e nei reparti ordinari, hanno convinto i sindaci e il governatore della Lombardia a chiedere al governo misure drastiche. A fine mese, secondo la previsione della Commissione indicatori istituita dalla direzione generale Welfare, i ricoveri per Covid arriveranno a 600 in terapia intensiva e fino a 4mila in terapia non intensiva. Così la più colpita durante la prima ondata della pandemia di Covid, ha chiesto al governo un «coprifuoco» a partire da giovedì 22 ottobre. Questa misura imporrebbe, tra le 23 e le 5 di ogni giorno, la chiusura di tutte le attività e lo stop agli spostamenti, ad esclusione di casi «eccezionali».

LEGGI ANCHE: La Campania chiude scuole e università fino al 30 ottobre

Tra le richieste fatte al governo c’è anche quella di chiudere, nelle giornate di sabato e domenica, la media e grande distribuzione commerciale, «tranne che per gli esercizi di generi alimentari e di prima necessità». «Abbiamo deciso di emanare un provvedimento che sia anche simbolico – ha detto il presidente della Regione Lombardia Attilio Fontana – per cercare di dare un colpo ad una delle causa del contagio che è ripartito e che sono l’assembramento, la movida, le feste, gli incontri in piazza, tutte cose che non si riescono a controllare perché non riusciamo ad avere un numero sufficiente di polizia e agenti».

La proposta — arrivata, all’unanimità, dai sindaci di tutti i Comuni capoluogo della Lombardia, dal presidente dell’Anci, Mauro Guerra, dai capigruppo di maggioranza e di opposizione e da Fontana — è già stata accettata, nella sostanza, dal governo. «Sono d’accordo sull’ipotesi di misure più restrittive in Lombardia. Ho sentito il Presidente Fontana e il sindaco di Milano, Giuseppe Sala, e lavoreremo assieme in tal senso nelle prossime ore», ha detto il ministro della Salute Roberto Speranza.

Tags
Back to top button
Close

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi