ItaliaPrimo Piano

Nuovo Dpcm, lockdown locali e stop agli spostamenti tra le regioni

Il governo inserirà nel nuovo provvedimento «cornice» i criteri di valutazione e poi dovranno essere i governatori, d’intesa con il ministro della Salute Speranza, a stabilire dove e come imporre le restrizioni

I contagi continuano a correre e si va dritto verso nuove chiusure. Il governo accelera e si prepara ad approvare il nuovo dpcm con il quale limiterà gli spostamenti tra le regioni, ridurrà l’orario dei negozi, chiuderà i centri commerciali nel week end, estenderà al 100% la possibilità della didattica a distanza per le superiori, includendo forse anche la terza media. Anche il Comitato tecnico scientifico ritiene che non ci siano al momento le condizioni per bloccare l’Italia come avvenuto a marzo, né di fermare l’attività di intere regioni. Suggerisce però di procedere subito con lockdown locali a livello provinciale. Il governo sceglie dunque di agire a livello nazionale con un decreto «cornice» che lascia a governatori e sindaci la possibilità di intervenire sul proprio territorio seguendo però un unico criterio: adeguare le decisioni all’indice di contagio e alla situazione delle strutture sanitarie indicate nel monitoraggio settimanale messo a punto dall’Istituto superiore di sanità.

LEGGI ANCHE: Zone rosse o lockdown totale: il governo al bivio per contenere il coronavirus

Il governo inserirà nel Dpcm i criteri di valutazione e poi dovranno essere i governatori, d’intesa con il ministro della Salute Roberto Speranza, a stabilire dove e come imporre le restrizioni. Sarà possibile procedere con lockdown locali, dunque aree metropolitane se la situazione non è uniforme nell’intera Regione. Si potrà anche agire sulla chiusura delle scuole per passare alla didattica a distanza, sugli orari di apertura dei negozi e il possibile scaglionamento, gli orari di chiusura di bar, ristoranti, pub, gelaterie e pasticcerie. Le regioni possono anche decidere di imporre la chiusura dei centri commerciali nel fine settimana.

Non sarà più possibile oltrepassare i confini regionali se non per «comprovate esigenze», quindi motivi di lavoro, di salute oppure emergenze che dovranno essere giustificate con un’autocertificazione. È una delle misure che l’esecutivo ritiene indispensabili per limitare il movimento delle persone e per evitare che nelle aree dove i numeri del contagio da Covid-19 sono bassi possa impennarsi la curva epidemiologica. In questo caso si tratta di un provvedimento deciso dal governo e dunque uguale su tutto il territorio nazionale.

Anche nel nuovo provvedimento, che potrebbe essere firmato tra lunedì sera e martedì, si è deciso di inserire anche la promessa di ristori per le attività commerciali costrette a chiudere o comunque a limitare gli orari. In questo modo il governo ritiene di agevolare gli amministratori locali sulle restrizioni che sono restii a imporre nel timore di gravare ulteriormente sulla capacità economica dei propri territori. Si tratterà di un ulteriore stanziamento che si aggiunge a quelli già previsti nel decreto varato la scorsa settimana dopo aver imposto il divieto di apertura serale al settore della ristorazione.

Tags
Back to top button
Close

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi