Politica

A volte ritornano: da Veltroni a Rutelli i “rottamati” preparano la rivincita

Gli ex candidati premier del centrosinistra non saranno candidati alle Politiche ma Liberi e Uguali proverà a coinvolgerli nella crociata anti-Renzusconi

La storia politica italiana, specie quella più recente, insegna e dimostra che ad ogni giro di valzer ci sono esponenti anche molto in vista che restano fuori e chi, invece, dopo aver scontato il giro di riposo, rientra. Le prossime elezioni politiche stanno per riportare in orbita alcuni nomi della sinistra pre-Renziana, quelli che in particolare hanno sfidato Berlusconi in passato e ne sono poi usciti – politicamente parlando – con le “ossa rotte”, da Walter Veltroni a Francesco Rutelli. Quelli che sono stati rottamati da Renzi, accarezzano la tacita ambizione di rottamare stavolta loro l’ex premier. Nessuno tra Veltroni e Rutelli si candiderà, e nessuno dei due sta prendendo parte attivamente alle varie convention che precedono la fase cruciale della campagna elettorale. Eppure qualcosa si muove. Walter Veltroni è il nome che più di tutti gli altri (Prodi a parte) piace a Bersani e D’Alema per le trattative da imbastire dopo le elezioni con il Partito Democratico, quando volente o nolente ci sarà da riprendere il dialogo e quando soprattutto il listone di “Liberi e Uguali” proverà a stoppare l’inciucio del Nazareno bis tra Renzi e Berlusconi.

LA TENTAZIONE DI WALTER. In questo quadro politico, nel quale la sinistra guidata (sulla carta) da Pietro Grasso teme decisamente più un Governo Renzusconi che i grillini, Veltroni è una carta che i fuoriusciti vogliono giocarsi per il dopo voto, quando probabilmente Renzi ne uscirà in chiara e innegabile difficoltà e stando ai sondaggi il suo partito si posizionerà dietro i Cinque Stelle e alle spalle del centrodestra, che con la megacoalizione in fase di allestimento dovrebbe ottenere il platonico primo posto senza maggioranza assoluta. Veltroni si è da tempo distaccato dalla politica ma non disdegnerebbe un ritorno in grande stile, ci pensa, riflette e valuta gli scenari.

LE RIFLESSIONI DI RUTELLI. Francesco Rutelli è anche lui fuori dal giro della politica che conta già da un po’, lo si è visto in tv qualche giorno fa su La7 ma, a quanto sostengono fonti vicine a lui, mediterebbe un’ultima stagione da protagonista a Montecitorio. Ha già fatto sapere che lui a queste elezioni non sarà in lista ma lo scontro a distanza tra Renzi e Grasso lo seguirà con attenzione, ben sapendo che a marzo potrebbe determinarsi un rimescolamento dello scacchiere politico di centrosinistra. In fondo, se sono ancora protagonisti altri come Pier Ferdinando Casini, allora c’è speranza pure per l’ex sindaco di Roma.

Tags

Related Articles

Close