MondoPrimo Piano

Ue, una sfilza di “no” al gruppo sovranista Salvini-Le Pen

Dopo il rifiuto di Farage e degli spagnoli di Vox, anche gli olandesi di Forum per la democrazia hanno deciso di non partecipare all'alleanza con Lega e Rassemblement National

Nonostante la vittoria della Lega in Italia e del Rassemblement National in Francia, nel Parlamento europeo, dopo le elezioni del 26 maggio scorso, gli euroscettici rimangono una minoranza d’opposizione, mentre aumenta l’influenza dei gruppi più europeisti, come i Verdi ed i Liberali. Marine Le Pen e Matteo Salvini, che puntano alla creazione del blocco sovranista all’Europarlamento, collezionano una lunga sfilza di “no”. Dopo il rifiuto di Farage e degli spagnoli di Vox, anche gli olandesi di Forum per la democrazia decidono di non partecipare all’alleanza con Lega e Rassemblement National

Il partito olandese, guidato da Thierry Baudet, ha infatti deciso di aderire al gruppo dei Conservatori e riformatori europei (Erc), lo stesso di cui fa parte Fratelli d’Italia. La decisione del partito dei Paesi Bassi, il cui leader è fortemente orientato su posizioni anti islamiche e in larga parte critiche verso l’Unione europea, è arrivato quarto alle elezioni europee in Olanda ottenendo l’11% dei consensi, che si sono trasformati in tre seggi a Strasburgo.

LEGGI ANCHE: I sovranisti europei tra scandali e indagini sui fondi Ue

Se il “no” di Nigel Farage e del suo Brexit Party aveva già minato le chance di costruire la seconda forza dopo il Ppe, l’annuncio prima di Vox e poi degli olandesi conferma un trend non particolarmente positivo per la Lega e Rassemblement National. Declinano l’invito anche i polacchi di Jaroslaw Kaczynski e anche l’ultradestra tedesca Afd, benchè alleata della Lega in campagna elettorale, non si sta sbilanciando sull’ingresso nel nuovo gruppo, non ancora.

Dopo tanti tira e molla, l’ungherese Orban ha rotto gli indugi ieri con un’intervista al tedesco Die Welt in cui non solo annuncia di restare nel Ppe ma si dice addirittura pronto a governare l’Europa con Socialisti&Democratici e Alde. Quella tra Popolari, socialisti e liberali è l’alleanza che sta per formarsi all’Europarlamento e che deciderà le cariche apicali dell’Unione per questa legislatura. Intanto il blocco sovranista non riuscendo ad andare oltre i 73 europarlamentari è solo il quinto gruppo a Strasburgo, superato momentaneamente (anche se solo per una poltrona) dai Verdi, che nelle ultime ore hanno annunciato l’ingresso di Pirati tedeschi e cechi.

Tags

Related Articles

Back to top button
Close